Italia,  Viaggi in camper

Le cascate di Stanghe a Racines Vipiteno

Cascate di Stanghe in camper

Le meravigliose Cascate di Stanghe a Racines Vipiteno. Bellissima camminata tra sentieri, scalini in legno, ponti sospesi, rocce e torrenti dove poter rinfrescare i piedini.

Con i nostri due bambini, la prima di 11 anni e il secondo di 4 anni che se l’è cavata benissimo scalando e arrampicandosi, siamo arrivati con il nostro camper il venerdì sera, così il mattino dopo eravamo prontissimi abbastanza presto per la nostra avventura.

Con il camper abbiamo parcheggiato nell’unico posto consentito a noi camperisti, un parcheggio abbastanza grande vicino al Bar Sportzone ben visibile della strada principale.

Da qui c’è una stradina alberata che porta direttamente al grande cartello sulla strada principale con la scritta “Monumento natura Cascate di Stanghe”, da qui proseguire lungo la stradina che porta al chioschetto dove si paga il biglietto e c’è la partenza del percorso.
(Ingresso: adulti € 5,00, bambini 3,00 €, gruppi di min. 20 persone 4,50 €.)

Lungo il percorso si trovano panchine e persino un tavolo per fare pic-nic.
Il percorso è molto ben tenuto, pulito e quando ci siamo stati noi avevano appena installato alcune panchine nuove. Anche per questo la cifra simbolica di ingresso mi sembra giustificata.

Il primo tratta è molto semplice e percorribile anche con il passeggino, ma non fatevi ingannare, proseguendo la strada cambia e tra gradini, ponti sospesi e passaggi attaccati alla montagna non è possibile utilizzare il passeggino.

Il percorso delle Cascate di Stanghe è percorribile in circa un’oretta, noi con il bimbo ci abbiamo messo anche un pochino di più, tra le varie tappe fatte per toccare l’acqua e fare qualche foto di rito.

Alla fine del percorso scopriamo che era possibile farlo anche al contrario perchè troviamo una biglietteria anche dalla parte opposta, per questo motivi consiglio di tenere i biglietti, potrebbero chiederveli rientrando nel percorso per tornare indietro.

Uscendo alla fine del percorso potete andare a bere qualcosa nel bar sul lato opposto della strada oppure andare a visitare la chiesetta li vicino.

È possibile anche tornare facendo altri percorsi che sono segnalati all’uscita, noi abbiamo evitato in quanto il piccolino era un po’ stanco quindi non conoscendo gli altri percorsi non ci siamo fidati.

Questa gita alle Cascate di Stanghe ci è piaciuta molto, è stata divertente non troppo stancante e le cascate sono uno spettacolo che non delude mai.

Unico consiglio, se avete la possibilità di farla il mattino appena apre il ticket office sarebbe meglio, (Le Cascate di Stanghe sono aperte da giugno a novembre dalle ore 9.00 alle 17.00. Nei mesi di luglio e agosto fino alle ore 18.00.) perchè poi comincia ad arrivare più gente e nei passaggi stretti si rischia di restare fermi ad aspettare oppure nel percorso di ritorno di doversi fermare molto spesso per lasciare il passaggio anche agli altri che arrivano nel senso opposto.

Per informazione vedi il sito www.vipiteno-racines.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *